Parallàxis è un magazine, ci trovate dentro un bel po' di cose. Soprattutto racconti, horror, sci-fi e new magical realism, un genere che ci piace inserire senza neanche sapere cos'è. Però esiste. Poi ci trovate delle serie fotografiche e delle illustrazioni. Alla fine diventiamo serissimi e con un saggio roviniamo tutto.

MAGAZINE

Parallàxis n. 4

Editoriale
«Una finestra o una piccola scatola» di Jedediah Berry
«Gli amici degli amici» di Henry James
«La muta» di Andrea Viscusi
«La cuccetta superiore» di Francis Marion Crawford
«Sul piacere di odiare» di William Hazlitt

WRITERS

Jedediah Berry

(Vermont, 1977) Il suo primo romanzo, Manuale di Investigazione ha vinto il premio Dashiell Hammett e il Crawford Award ed è stato tradotto in diversi paesi oltre ad essere adattato dalla BBC Radio. Il suo ultimo lavoro The Family Arcana è stato pubblicato come gioco da tavolo per Ninepin Press. Le sue storie sono apparse su numerosi giornali e riviste, tra le quali Best American Fantasy e Cape Cod Noir. Ha inoltre lavorato nel team editoriale di riviste come Conjunctions, PEN America, e Small Beer Press. Ha insegnato al Bard College e all’University of Massachusetts (programma di scrittura creativa MFA for Poets & Writers). Attualmente vive in Amherst, Massachusetts, e insegna presso il Pine Manor College (MFA).

Henry James

(New York, 1843 - Londra, 1916) È stato sia scrittore che critico letterario. Fratello di William e Alice, Henry fece parte di una famiglia che lasciò il segno nel pensiero mondiale tra ‘800 e ‘900. Viaggiò molto in Europa – Italia compresa – e divenne cittadino britannico nel 1915. È stato autore di un numero impressionante di scritti nelle forme più disparate (dal romanzo al racconto, dalla letteratura di viaggio alla saggistica), tra i quali vale la pena ricordare almeno Ritratto di signora, L’altare dei morti, Il giro di vite, Autenticamente vero, Ore italiane e L’arte del romanzo. È uno degli scrittori che ha ispirato più trasposizioni televisive e cinematografiche in assoluto.

Andrea Viscusi

(Toscana, 1986) Era in gestazione quando la nube radioattiva di Chernobyl ha investito l’Europa, il che spiega già molte cose. Da allora si è stanziato in Valdinievole, e ha passato i suoi primi decenni di vita ad assorbire fantascienza in tutte le sue forme, pur senza mai vedere un episodio di Star Trek. Si è laureato in statistica e autoproclamato maggior fan italiano di Futurama (titolo per il quale nessun altro si è proposto). Ha pubblicato numerosi racconti e un romanzo, scrive sul blog Unknown to Millions e ha tirato su il sito di indovinelli Cinenigmi. Ascolta musica elettronica e si diverte a fare il dj in casa sua. Colleziona oggetti a forma di lumaca, quindi sapete cosa regalargli (anche se non sapete quando, perché la data di nascita che trovate su Facebook è volutamente errata).

Francis Marion Crawford

(Bagni di Lucca, 1854 - Sant’Agnello, 1909) Scrittore e poeta italo-statunitense, conosceva perfettamente venti lingue, compreso il sanscrito, e fu uno degli autori più prolifici dell’epoca: le sue opere, sia romanzi che racconti, vennero presto considerate grandi classici del genere horror (La strega di Praga, Uomo in mare, Cristina). Notevoli furono anche i romanzi storici, in cui convivono una precisa conoscenza della storia italiana e la passione tipica del romanticismo. I suoi libri ebbero successo, e questo gli permise di acquistare una villa, intitolata a suo nome, che si affaccia sul mare di Sorrento.

William Hazlitt

(Maidstone, 1778 - Londra 1830) È stato saggista, critico letterario, filosofo e pittore inglese. Nonostante la rigida educazione religiosa imposta dal padre, un pastore della chiesa unitariana, si interessò sin da giovane ai cambiamenti e alle riflessioni causate dalla Rivoluzione Francese - evento che in lui generò un odio viscerale per ogni forma di tirannia. Iniziò a scrivere per guadagnarsi da vivere, dato che le aspirazioni di diventare un pittore affermato svanirono ben presto nel nulla: con i primi guadagni acquistò la casa dove visse John Milton. Il tono tagliente dei suoi saggi, di cui oggi viene riconosciuto il valore, e le posizioni politiche, tizzazione da parte dall’upperclass.

Parallàxis n. 3

Editoriale
«Deus ex arca» di Desirina Boskovich
«La condanna» di Franz Kafka
«M'rara» di Alessandro Forlani
«La pulce» di Giambattista Basile
«Il momento decisivo: eroismo e l'esperimento di Milgram» di Matthew M. Hollander

WRITERS

DESIRINA BOSKOVICH

(California, 1986) Ha pubblicato racconti su riviste come Clarkesworld, Lightspeed, Nightmare, Kaleidotrope, PodCastle, Drabblecast, e antologie di racconti come The Way of the Wizard, Aliens: Recent Encounters, e The Apocalypse Triptych (quest’ultima edita da John Joseph Adams). Scrive anche articoli su musica, letteratura, e cultura in genere, che sono apparsi su Weird Fiction Review, The Huffington Post, Wonderbook, e The Steampunk Bible. Ha inoltre curato l’antologia It Came From the North: An Anthology of Finnish Speculative Fiction.

FRANZ KAKFA

(Praga, 1883 – Kierling, 1924). Scrittore boemo proveniente da una famiglia ebraica ashkenazita e di madrelingua tedesca, è riconosciuto come uno dei più importanti scrittori del ‘900. Pubblicò pochissimo in vita, e diede istruzioni all’amico Max Brod di distruggere tutti i suoi manoscritti; Brod non tenne fede alla richiesta dell’amico, pubblicandone le opere dopo la morte, permettendo così al mondo di conoscerle. Celebri sono i suoi tre romanzi, Il processo, Il castello e America (tutti scritti tra il 1925 e il 1927), ma anche e soprattutto i suoi racconti, come La metamorfosi, Il fochista, Nella colonia penale e moltissimi altri. Molto noti e non meno rilevanti sono i suoi diari, i suoi aforismi e, soprattutto, il suo epistolario, in cui spiccano le Lettere al padre e Lettere a Milena.

ALESSANDRO FORLANI

(Pesaro, 1972). Scrittore, docente e critico teatrale, ha una lunga formazione accademica, espressa negli ambiti della narrativa, della critica teatrale e della drammaturgia. Autore prolifico anche in ambito saggistico, nel 1997 pubblica il romanzo fantastico Racconto Barocco (Firenze Libri, Firenze), mentre nel 2008 dà alle stampe il romanzo Tristano (Joker, Novi Ligure). Ha vinto il Premio Urania 2011, il Premio Kipple 2012 e il Premio Stella Doppia 2013.

GIAMBATTISTA BASILE

(Giugliano in Campania, 1566 – Giugliano in Campania, 1632). Scrittore, letterato barocco e soldato mercenario della Repubblica di Venezia, frequentò l’Accademia degli Stravaganti. Il suo Lo cunto de li cunti (opera che Basile aveva dedicato all’Accademia napoletana degli Oziosi) è stata definita da Benedetto Croce (traduttore della raccolta in italiano) come il più antico, il più ricco e il più artistico fra tutti i libri di fiabe popolari. La sorella, Adriana Basile, era rinomata tra le corti della penisola per il proprio canto.

MATTHEW M. HOLLANDER

(Iowa, 1978). Sta conseguendo il dottorato in sociologia presso l’Università del Wisconsin-Madison. I suoi rami di interesse includono l’etnometodologia e l’analisi conversazionale, moralità e valori, resistenza all’autorità, la psicologia sociale dell’eroismo, e la teoria sociologica. La sua dissertazione esamina il rapporto tra direttive e risposte nel contesto dell’esperimento di Milgram sul tema dell'obbedienza.

Parallàxis n. 2

Editoriale
«La collezione di origami» di Ken Liu
«Gli occhi» di Philip K. Dick
«Lo sguardo» di Silvano Agosti
«La piscina di Kafka» di Corrado Consolandi
«La donna-ragno» di Ercole Luigi Morselli
«Non essere ancora all’altezza del tempo. Ernst Bloch su una fotografia» di Maurizio Guerri

WRITERS

KEN LIU

(Lanzhou, Cina, 1976) è scrittore, avvocato e programmatore. Oltre ad essere cinese e collezionare macchine da scrivere, è anche americano e ripara quelle rotte. Conosciuto e apprezzato per i suoi racconti, per i quali ha vinto prestigiosi premi (il racconto qui proposto è stato il primo racconto a vincere tutti i tre più importanti premi della letteratura fantasy: Nebula, Hugo e World Fantasy Awards). Nel 2015 uscirà il suo romanzo di esordio: The Grace of Kings.

PHILIP K. DICK

(Chicago, 1928 - Santa Ana, 1982) la “K.” sta per Kindred, ma nel corso della sua carriera usò anche gli pseudonomi di Richard Phillips e Jack Dowland. Quest’ultimo nome, curiosamente, venne usato da Dick come nome dell’autore di un racconto, Orfeo dai piedi d’argilla, che veniva pubblicato, nel racconto stesso, sotto lo pseudonimo “Philip K. Dick.” Conosciuto principalmente per il genere fantascientifico, molti romanzi e racconti di Dick hanno avuto trasposizioni cinematografiche; ultima in ordine di tempo è la serie tv, The Man In the High Castle, prodotta da Amazon e tratta dall’omonimo romanzo, conosciuto in Italia con il nome La svastica sul sole.

SILVANO AGOSTI

(Brescia, 1938) scrittore, sceneggiatore e cineasta indipendente, nessun suo film è stato mai proiettato nelle sale italiane, nonostante nel 1967 Il giardino delle delizie fu invitato all'Expo di Montreal come uno dei dieci migliori film prodotti nel mondo quell'anno. Tra i documentari da lui realizzati, Matti da slegare e il cult D’amore si vive. Dal 2012 fa domanda ufficiale all'Unesco e alle Nazioni Unite chiedendo che l'Essere Umano venga proclamato Patrimonio dell'umanità.

CORRADO CONSOLANDI

(Brescia, 1987) collabora e scrive per il Giornale di Brescia. Ha studiato ma non abbastanza da prendersi la laurea. Tra i suoi scrittori preferiti Joe Lansdale, Dino Buzzati, Franz Kafka, Jorge Luis Borges, Cormac Mccarthy, Osvaldo Soriano e altri che non ha voglia di scrivere perché non gli vengono in mente. Ama la musica, le chitarre, il blues, le serie televisive americane, il gioco del pallone giocato bene. Inizia a scrivere al liceo grazie alla matematica: si annoiava durante le ore di lezione e doveva tenersi occupato, facendo finta di muovere la penna sul quaderno. Invece di scarabocchiare disegnini osceni ha pensato di provare a scrivere quello che gli passava per la testa e il danno è stato fatto. Attualmente ha i capelli corti e odia il cappuccino.

ERCOLE LUIGI MORSELLI

(Pesaro, 1882 - Roma, 1921) poeta, scrittore e autore teatrale, fece parte del vivace ambiente fiorentino di fine ‘800, insieme a Papini, Mori e Prezzolini, scrivendo per le storiche riviste Leonardo e Voce. Post dannunziano e crepuscolare, ha avuto una vita romanzesca, tra continui viaggi intercontinentali, oltre che tra alti e bassi letterari ed economici. Vengono ricordate soprattutto le sue opere teatrali Acqua sul fuoco, Orione, Glauco e La prigione, e diversi testi letterari, tra i quali Storie da ridere… e da piangere, Favole e fantasie e L’Osteria degli scampoli e altri racconti. Anche grazie al racconto La donna-ragno viene considerato come un precursore del genere fantascientifico in Italia, insieme a Confalonieri, Veratti, Viganò, Nievo, Tarchetti, Dossi e molti altri.

MAURIZIO GUERRI

(Milano, 1967) filosofo, docente e saggista, i suoi studi si rivolgono principalmente all’estetica tedesca del Novecento, con particolare riferimento alla morfologia e al rapporto tra immagine e politica. Lavora all’Istituto nazionale per la storia del movimento di liberazione in Italia (INSMLI) di Milano e insegna Filosofia contemporanea e Storia della comunicazione sociale presso l’Accademia di Belle Arti di Brera. Curatore del volume Filosofia della fotografia (Cortina) ed autore di Necessità dell’estetica e potenza dell’arte (Mimesis).

Parallàxis n. I

Editoriale
«La fotografia di classe» di Dan Simmons
«La bara sbagliata» di Kelly Link
«Pioggia senza fine» di Ray Bradbury
«Quindici tic» di Emanuele Kraushaar
«L’uomo artificiale» di Antonio Caronia

WRITERS

DAN SIMMONS

(Preoria, 1948) è l’autore della saga sci-fi I Canti di Hyperion e del romanzo horror La Scomparsa dell’Erebus (The Terror), per il quale è in corso la preparazione di una serie tv. Stephen King ha più volte sottolineato la sua ammirazione per Simmons e a quanto pare, l’ammirazione è reciproca.

KELLY LINK

(Miami, 1969) è una scrittrice ed editrice americana. Predilige di gran lunga scrivere racconti, per i quali, nel corso della sua carriera, ha vinto un Hugo award, tre Nebula awards e un World Fantasy Award. In una recente intervista ha detto: «Ognuno di noi ha avuto un’infanzia strana e insolite esperienze di vita, che lo si sappia o meno. Non esiste un’infanzia normale. Quello che trovo molto utile nello scrivere storie strane è il fatto di imparare a capire e ad articolare questi momenti di personale, peculiare stranezza.»

RAY DOUGLAS BRADBURY

(Waukegan, 1920 - Los Angeles, 2012) è stato tra i più importanti e influenti scrittori statunitensi di fantascienza, nonché sceneggiatore cinematografico. Già noto a livello internazionale grazie alle raccolte Cronache marziane (The Martian Chronicles, 1950) e Il gioco dei pianeti (The Illustrated Man, 1951), Bradbury è celebre soprattutto grazie al suo Fahrenheit 451 (1953), che ispirò anche l'omonimo film di François Truffaut. Tra i più grandi interpreti di sempre del genere distopico, non ha mai avuto la patente né guidato un'automobile.

EMANUELE KRAUSHAAR

(Roma, 1977) scrive dall’età di sette anni. Tra le sue pubblicazioni, le raccolte di racconti Tic (Atì 2005) e Maria De Filippi (Alet 2011). È direttore editoriale della rivista “Metromorfosi” e confondatore di Tic Edizioni.

ANTONIO CARONIA

(Genova, 1944 – Milano, 2013) è stato saggista, traduttore, docente universitario, giornalista e politico. Indiscutibilmente tra i più vivaci scopritori italiani del genere fantascientifico, in letteratura si è occupato soprattutto di Dick e Ballard; scrittore poliedrico, ha affrontato temi quali il cyborg e le trasformazioni cognitive in relazione alle innovazioni tecnologiche, attraverso uno sguardo antropologico-sociologico aperto anche alla dimensione estetica. Tra i suoi scritti più noti, Il cyborg. Saggio sull'uomo artificiale (1985), Il corpo virtuale. Dal corpo robotizzato al corpo disseminato nelle reti (1996).

Parallàxis n. 0

Editoriale
«Cicci di Scandicci» di Valerio Evangelisti
«I finali femminili» di Neil Gaiman
«Il bisogno» di Lisa Tuttle
«Come ho conosciuto mia figlia» di Max Barry
«Nostalgia Robot» di Silvia Candelaresi
«L’aggressività come genere narrativo del doppio» di Adriano Zamperini

WRITERS

VALERIO EVANGELISTI

Noto soprattutto per il ciclo di romanzi dell’inquisitore Nicolas Eymerich, Valerio Evangelisti è uno dei più apprezzati scrittori italiani contemporanei. Tra i suoi romanzi più importanti, oltre a Nicolas Eymerich, inquisitore (1994), vale la pena citare Metallo urlante (1998) e Tortuga (2008).

NEIL GAIMAN

Scrittore, fumettista, giornalista, sceneggiatore. Versatile e in grado di spaziare da un genere all’altro senza perdere il proprio stile caratteristico. Tra le opere più importanti di Gaiman ci sono il fumetto The Sandman (1989); American Gods (2001), con cui ha vinto, tra gli altri premi, il Bram Stoker, Hugo e Nebula, come miglior romanzo; Coraline (2002). Il suo ultimo libro è The Ocean at the End of the Lane (2013).

MAX BARRY

Australiano, inizia a scrivere giovanissimo. Si ritrova a lavorare alla HP, scrive così il suo primo romanzo (Syrup, 1999) sul computer dell’azienda durante l’orario di lavoro. Il buon riscontro ottenuto con questo primo romanzo lo porta alla decisione di dedicarsi interamente alla scrittura. Il suo ultimo libro (Lexicon, 2013) ha vinto il premio Aurealis come miglior romanzo di fantascienza.

LISA TUTTLE

Da sempre impegnata per i diritti delle donne (Encyclopedia of Feminism, 1986), le storie di Lisa Tuttle sono spesso incentrate attorno a personaggi femminili. I suoi romanzi spaziano dal genere horror a quello fantasy e sci-fi. Ha collaborato con lo scrittore George R. Martin per Windhaven (1981). Il suo ultimo romanzo è The Silver Bough (2006).

SILVIA CANDELARESI

Professoressa di lingua e letteratura inglese. Vive e lavora ad Ancona. Scrive poesie, racconti, romanzi ed è cantautrice di musica electronic pop.

ADRIANO ZAMPERINI

Insegna Psicologia sociale e Relazioni interpersonali presso la Facoltà di Psicologia dell’Università di Padova. I suoi studi si occupano di delicate tematiche che hanno a che fare con le relazioni umane (L’indifferenza, 2007; L’ostracismo, 2010). Il suo ultimo saggio (di prossima pubblicazione) sarà incentrato sul tema dell’aggressività.

PRESS

TEAM

Giordano
Bernacchini

Satiro. Jump-cut. Flebile.

Giorgio Majer
Gatti

Autotelefonata. MacGuffin. Gaglioffo.

Tommaso
Marzaroli

Puntura. Sociale. Io.

Francesco
Testoni

Ehm. Not. Delaroche.

Sara
Dell'Oca

Wanderlust. Arrocco. Ogaden.

CONTACT

Sono uno scrittore: come devo inviarvi i miei racconti?

Siamo interessati a racconti horror, sci-fi e appartenenti al new magical realism. Inviaci tutto il materiale che vuoi in questa modalità: parole (non battute) min 2000 - max 7000; interlinea 1.5; corpo 12; font Times New Roman; formato .doc (non .docx). Inserisci sempre nel corpo del testo nome e cognome, mail e numero telefonico!

Sono un fotografo: come faccio a proporvi i miei lavori?

Valutiamo esclusivamente serie fotografiche, dunque non singoli scatti o insiemi di foto non coerenti tra loro. Le serie devono essere composte da un minimo di 6 ad un massimo di 8 fotografie, inedite e non. La stampa prevista è sempre in B/N. Per quanto riguarda lo stile, il consiglio è sempre quello di farsi un'idea visionando le pubblicazioni di Parallàxis.

Sono un illustratore: a cosa siete interessati?

Il consiglio è lo stesso dato ai fotografi. Siamo abbastanza lontani dai classici canoni fantasy o splatter, ma siamo anche curiosi, dunque non ci precludiamo nulla. Le modalità utilizzate per la pubblicazione sono due, e dipendono dalla tua disponibilità: 1) selezioniamo mini-serie di illustrazioni (inedite e non) che ci sembrano coerenti con i contenuti del numero; 2) ti chiediamo di basarti su uno dei contenuti del numero, producendo illustrazioni originali.

Contattaci scrivendo a sub@parallaxis.it

SOCIAL